Menu Chiudi

Assicurazione INAT infortuni ferrovieri: come funziona, contatti, moduli e disdetta

L’Istituto Nazionale Assistenza TrasportiINAT – è un istituto giuridicamente inquadrabile tra le società cooperative senza scopo di lucro. Vediamo come funzionano le assicurazioni INAT per i ferrovieri, cosa coprono, i numeri e gli indirizzi utili e tutte le informazioni necessarie in merito alla modulistica e all’eventuale disdetta della polizza assicurativa.     

Come funziona l’assicurazione INAT e cosa copre

Nata grazie alla felice intuizione delle organizzazioni sindacali delle Ferrovie dello Stato, l’INAT (ex INAF) è da sempre molto attenta alla salvaguardia dell’incolumità dei lavoratori del comparto ferroviario, tanto sul lavoro quanto nella vita privata.

Non solo: la tutela dell’incolumità dei lavoratori che svolgono quotidianamente la propria attività professionale all’interno del settore dei trasporti è stata estesa tanto da includere anche le famiglie.

La vasta gamma di polizze delle quali i lavoratori delle Ferrovie possono beneficiare è la dimostrazione della capacità dell’Istituto di tutelare i propri clienti in molteplici situazioni della vita quotidiana.

Collegandosi al sito ufficiale INAT è possibile prendere visione di alcune delle più importanti soluzioni assicurative messe a disposizione dei dipendenti del comparto trasporti ferroviari. Per valutare la migliore assicurazione basterà entrare nell’apposita sezione del sito: Home Page > Per Te > Dipendenti. Una volta entrati nell’area dipendenti sarà possibile prendere visione delle attuali formule assicurative pensate appositamente per i lavoratori dei servizi di trasporti.

Per i dipendenti delle Ferrovie sono previste le seguenti soluzioni assicurative:

  • Infortunio;
  • Programma di protezione sanitario (ricovero e intervento chirurgico);
  • Inidoneità.

Ogni soluzione assicurativa prevede, a sua volta due principali tipologie di formule assicurative tra cui è possibile decidere: la formula base e la formula light.

Vediamo di che cosa si tratta e cosa coprono.

Infortunio Dipendente

Si tratta del pacchetto assicurativo più completo e anche quello che comprende il più alto numero di clausole assicurative.

Il premio assicurativo mensile da corrispondere è pari a 43 euro e la copertura assicurativa comprende:

  • infortuni subiti nell’esercizio dell’attività professionale;
  • infortuni subiti nel normale svolgimento di ogni altra attività di natura extraprofessionale.

A tutela delle condizioni di infortunio, seguite ad attività professionale o extraprofessionale,  ricorrono inoltre le seguenti garanzie:

  • diaria per inabilità temporanea (35 euro);
  • invalidità permanente (105.ooo euro);
  • morte (115.000 euro);
  • rimborso per cure (massimale 7.500 euro);
  • vitalizio per grave invalidità (maggiore o pari al 60%) permanente in caso di ictus, infarto (25.000 euro);
  • vitalizio per grave invalidità da infortunio (12.500 euro);
  • tutela legale (3.000 euro  in caso di sinistro; 150 euro in caso di recupero punti della patente).

A corredo delle garanzie offerte, la polizza prevede: anche assistenza legale telefonica, maggiorazioni specifiche in caso di morte del contraente ed estensione delle clausole assicurative anche ai familiari.

Infortunio Dipendente Light

Si tratta della polizza infortunio più snella, ugualmente sicura, ma con meno clausole assicurative, a cominciare dal premio assicurativo mensile che è pari a 21 euro.

Le coperture assicurative garantite dalla formula Light, nella sostanza, non differiscono da quelle offerte dal pacchetto completo, anche in questo caso infatti, le condizioni di tutela sono garantite a parità di condizioni, a variare sono i massimali assicurativi:

  • 14 euro per diaria di inabilità temporanea;
  • 65.000 euro è il massimale per invalidità permanente e morte;
  • 12.000 euro per invalidità permanente da ictus e infarto;
  • 3.700 euro è il massimale per il rimborso spese sanitarie;
  • 6.200 euro vitalizio per invalidità permanente a seguito di infortunio.

Come si può vedere, i massimali  della formula Light sono, in alcuni casi, molto inferiori rispetto al pacchetto base, per così dire; inoltre, un’altra importante differenza è rappresentata dall’impossibilità di estendere la polizza assicurativa ai propri familiari, condizione invece possibile nel pacchetto assicurativo completo (Infortunio Dipendente).

Ricovero dipendente

Si tratta di una garanzia assicurativa molto importante perché tutela i dipendenti in un momento molto delicato come può esserlo quello del ricovero ospedaliero. L’indennità giornaliera viene garantita fin dal primo giorno di ricovero e corrisposta fino all’ultimo giorno di degenza ospedaliera, senza scoperti e senza franchigia. Inoltre non c’è obbligo di presentazione all’assicurazione del questionario medico.

L’assicurazione ricovero dipendente può essere stipulata da tutti i dipendenti attualmente in corso e da tutti i dipendenti in pensione fino al 64° anno d’età.

Il premio assicurativo mensile è pari a 21 euro e la stessa polizza assicurativa può essere estesa anche ai componenti della famiglia. Le prestazioni incluse nella polizza sono davvero numerose:

  • indennità giornaliera per ricoveri che non comportano interventi chirurgici (115.00 euro);
  • indennità giornaliera per ricoveri che comportano interventi chirurgici (135.00 euro);
  • indennità giornaliera per ricoveri che comportano un grande intervento chirurgico (154.00 euro);
  • indennità giornaliera per riabilitazioni conseguenti a intervento chirurgico (52.50 euro);
  • indennità per convalescenza (60.00 euro);
  • indennità giornaliera per terapie ambulatoriali e day hospital (52,50 euro);
  • Massimale annuo di rimborso per spese mediche (1.500 euro).

Ricovero dipendente Light

Come per l’assicurazione Infortunio, anche nel caso dell’assicurazione per ricovero la formula Light prevede le stesse tutele e garanzie assicurative, ma con massimali e indennità inferiori al pacchetto base di circa il 20-25%.

Il premio mensile da corrispondere, in questa formula è pari a 13,50 euro ed è estendibile anche ai familiari. Tuttavia, tale polizza assicurativa è vendibile solamente a coloro i quali non hanno mai beneficiato, in precedenza, di altre polizze assicurative per ricovero.

Inidoneità temporanea o definitiva al servizio per malattia e infortunio  

Infine, l’assicurazione contro inabilità temporanea o definitiva tutela in caso di sopraggiunta condizione di impedimento al lavoro. Il premio mensile da versare ammonta a 25 euro nel caso di inidoneità temporanea, mentre nel caso di inidoneità definitiva il premio scende a 22 euro.

In caso di inidoneità definitiva ricorrono le seguenti condizioni:

  • 60.000,00 euro, una tantum per assicurati che abbiano fino a 40 anni di età;
  • 40.000,00 euro, una tantum per assicurati che abbiano dai 41 ai 60 anni di età;
  • 30.000,00 euro, una tantum per assicurati che abbiano 61 anni di età al momento dell’infortunio;
  • 25.000,00 euro, una tantum per assicurati con 62 anni di età;
  • 20.000,00 euro, una tantum per coloro che abbiano 63 anni di età;
  • 15.000,00 euro, una tantum per assicurati dai 64 ai 65 anni.

Combinando insieme le diverse clausole (infortunio, ricovero ecc.) si ottengono le migliori formule assicurative INAT. A tal proposito, è utile sapere che INAT offre polizze assicurative anche in ambito privato, come nel caso della polizza RC Auto e Tutela Legale.

Nel caso foste interessati a valutare alcune formule proposte sopra, conviene contattare direttamente l’Istituto anche attraverso l’area riservata, MyInat. l’innovativa piattaforma studiata appositamente per  consentire ai contraenti di consultare in qualunque momento la propria posizione assicurativa e denunciare, in qualsiasi momento un sinistro e/o un infortunio. 

Contatti INAT assicurazione ferrovieri: mail, PEC e numero di telefono

Se ancora non sapete bene quale assicurazione sottoscrivere, sicuramente può risultare utile ottenere un consulto contattando direttamente gli uffici INAT. Nella sezione Contatti è possibile utilizzare il form online per inoltrare attraverso il sito la propria richiesta, specificando, contestualmente, i propri recapiti. Dopo meno di 24 ore si verrà contattati ai recapiti segnalati in fase di richiesta e un operatore sarò in grado di fornire le spiegazioni desiderate o, in alternativa, vi fisserà un appuntamento per un colloquio direttamente in sede. 

In caso doveste recarvi personalmente presso l’Istituto, sappiate che gli uffici dell’INAIL si trovano presso Largo Carlo Salinari n° 18 00142 – Roma (RM), dove si trovano infatti la Presidenza, la Direzione Generale e i settori: Sinistri, Sviluppo e Contabilità.

Per ogni altra informazione necessaria sarà possibile contattare INAT ai seguenti recapiti:

  • e-mail: info@inat.it;
  • Assistenza Clienti: +39 06 5157 41 (selezione 2);
  • Tutti i servizi: +39 06 5157 41.

Moduli utili per l’assicurazione per ferrovieri INAT

Quando avrete deciso la polizza assicurativa che fa al caso vostro, sarà necessario fare domanda per inoltrare correttamente la richiesta. Come è possibile? Scaricando, compilando e inoltrando la richiesta attraverso gli appositi moduli.

I moduli utili ai fini della sottoscrizione della polizza assicurativa sono scaricabili direttamente dall’Area Riservata. Ogni modulo sarà comprensivo di tutte le informazioni utili da indicare ai fini dell’attivazione della polizza assicurativa. Sempre all’interno dell’Area Clienti sarà poi possibile scaricare gli eventuali moduli utili ai fini della denuncia di un eventuale infortunio/sinistro.

Come disdire l’assicurazione INAT

Infine, nel caso si decidesse di interrompere la polizza, INAT consente ai propri assicurati la possibilità di disdire l’assicurazione.

L’eventuale disdetta della polizza dovrà avvenire inviando comunicazione scritta mediante raccomandata con ricevuta di ritorno all’Agenzia Generale Speciale IU7, situata in Largo Salinari, oppure alla contraente INAT oppure alla Società Generali Italia.

La disdetta può essere presentata dall’assicurato dopo il termine di 5 anni dalla stipula della polizza e comunicando la volontà di disdire la polizza assicurativa con un anticipo di almeno 60 giorni prima del termine previsto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.