Menu Chiudi

Assicurazione Caccia 2022: costo e polizze online a confronto

La polizza assicurativa per la caccia è sicuramente uno strumento molto utile a tutela di tutti coloro che svolgono attività venatoria, cioè l’esercizio programmato della caccia (di qualunque genere e tipologia essa sia) su tutto il territorio nazionale. Si tratta di una copertura assicurativa essenziale di cui tutti i cacciatori devono dotarsi per legge al fine di garantire la propria incolumità, ma anche, e soprattutto, quella altrui. Vediamo allora quanto può costare un’assicurazione per la caccia, quali rischi può coprire e quali sono le migliori assicurazioni per l’anno 2022.

Quanto costa l’assicurazione per la caccia

L’obbligatorietà dell’assicurazione venatoria è sancita dall’articolo 12 della legge nazionale sulla caccia (L. 157/92), che stabilisce come tutti i cacciatori che esercitano l’attività venatoria sul suolo italiano, sono tenuti a munirsi di una polizza assicurativa.

L’assicurazione viene stipulata per responsabilità civile verso terzi per danni causati dall’uso di armi e dall’eventuale attrezzatura utile ai fini dell’attività venatoria.

Come accade per ogni polizza assicurativa, anche per quella venatoria sono fondamentali i massimali di copertura che, in questo caso, sono stabiliti dall’articolo 12 della legge suddetta.

I massimali assicurativi sanciti per legge sono pari a:

  • 516.456,90 euro in caso di sinistro; di questo massimale, 387.342,67 euro è per ogni persona danneggiata, 129.114,22 euro per danni ad animali e/o a cose;
  • 51.645,69 euro per infortuni, invalidità permanente o morte.

Per garantire una maggior sicurezza a tutti coloro che esercitano l’attività di caccia sul territorio italiano, il Ministero dell’Agricoltura con un decreto apposito, provvede ad aggiornare ogni 4 anni i massimali assicurativi, adeguandosi così ai cambiamenti e alle esigenze dei cacciatori di cui le associazioni venatorie si fanno portavoce. 

Tuttavia, per aiutare i cacciatori a stipulare la migliore polizza assicurativa caccia vengono in soccorso le Associazioni venatorie. Tali associazioni stipulano ogni anno delle convenzioni particolari con alcune compagnie assicurative specifiche presso le quali sono le stesse associazioni a stipulare le polizze assicurative in nome oppure per conto degli associati.

In questo modo, ogni cacciatore, nel momento in cui effettuerà il tesseramento presso l’associazione prescelta beneficerà, compresa nel prezzo di tesseramento, della polizza venatoria in convenzione.

Naturalmente, i costi sono abbastanza variabili e sono condizionati da diversi fattori, uno su tutti, dalle politiche assicurative adottate dalla compagnia. Generalmente, facendo un rapido giro tra le compagnie assicurative e le associazioni venatorie presenti sul territorio italiano, possiamo sostenere che il prezzo medio per una polizza venatoria in Italia varia dai 50 euro fino ad arrivare a un massimo di 150/160 euro. La variabilità è data soprattutto dalle eventuali estensioni applicabili, come ad esempio furto dell’arma, morte del cane, tutela legale ecc., e dai massimali garantiti per legge. Ogni associazione venatoria quindi propone ai propri tesserati le sue soluzioni assicurative che possono poi essere personalizzate a piacimento e secondo le proprie necessità. Solitamente, si può ritenere che un tesseramento base consente di usufruire, contestualmente, anche di una polizza base, sempre tenendo presente che anche il tesseramento base ha un costo differente a seconda dell’associazione alla quale si deciderà di aderire.   

Cosa copre l’assicurazione caccia 2022

Come accade per ogni polizza assicurativa, anche per l’assicurazione caccia le coperture assicurative variano a seconda del tipo di compagnia assicurativa con la quale si decide di sottoscrive il contratto d’assicurazione. Anche se tra una compagnia e l’altra vi possono essere delle notevoli differenze di copertura, ma anche di prezzo, tuttavia le coperture garantite sono grossomodo sempre le stesse. Come è stato già anticipato, le polizze venatorie coprono danni e infortuni a terzi causati da responsabilità civile.

Tra le coperture per infortunio rientrano:

  • danni fisici di qualsiasi natura che comportino un’invalidità temporanea oppure permanente;
  • infortuni subiti per legittima difesa;
  • infortuni derivanti da gesti solidali (come ad esempio aver aiutato qualcun altro in difficoltà);
  • ricoveri ospedalieri (giornalieri o per lunghi periodi) che si rendono necessari in seguito agli infortuni subiti;
  • ferite derivate da morsi o aggressioni di bestie;
  • colpi di calore;
  • colpi di freddo;
  • congestionamenti;
  • diarie ospedaliere;
  • diarie per gesso;
  • operazioni chirurgiche di ogni tipo.

Le coperture relative a danni materiali a cose o animali invece possono riguardare:

  • ferimento o morte del cane;
  • furto, danneggiamento o scoppio dell’arma;
  • danneggiamenti subito dal mezzo usato per gli spostamenti;
  • danneggiamenti all’eventuale attrezzatura necessaria ai fini dell’esercizio dell’attività venatoria;
  • tutela legale in caso di concorso di colpa anche grave.

Qualsiasi sia il tipo di situazione o incidente in cui il cacciatore incorre, per beneficiare della copertura assicurativa è necessario che non vi sia volontarietà e che qualsiasi incidente si occorso nell’esercizio legale di qualsiasi tipo di attività, altrimenti l’assicurazione non consentirà alcun tipo di copertura. Occorre poi tenere presente che ogni polizza assicurativa potrebbe applicare determinate franchigie, pertanto occorre prestare molta attenzione prima di sottoscrivere il contratto assicurativo oppure nel momento in cui si vuole procedere con l’estensione del contratto convenzionato.   

Migliori assicurazioni per la caccia 2022

Prima di vedere quali sono le migliori assicurazioni per la caccia del 2022, occorre sapere che per avere una stima di quanto possa costare e possibile ottenere un preventivo direttamente online o collegandosi direttamente al sito di ciascuna compagnia assicurativa oppure usufruendo di un simulatore online che, allo stesso tempo, aiuta a comparare simultaneamente i preventivi di diverse compagnie assicurative. In rete ce ne sono davvero tantissimi, basterà digitare “simulatore preventivo online” e in pochi minuti potrete ottenere il vostro preventivo servendovi del simulatore in rete.

Di seguito invece troverete i migliori preventivi per le assicurazioni di caccia, raccolti per voi.

UnipolSai

Una delle compagnie assicurative migliori in circolazione. Sono molte le associazioni venatorie che hanno stipulato una polizza assicurativa in convenzione con la compagnia, tra queste troviamo Italcaccia. Il costo della tessera base è di circa 75 euro e prevede le seguenti coperture:

  • Responsabilità civile verso terzi (massimale 750.000 euro);
  • Rimborso per infortunio (morte o invalidità permanente), con franchigia del 3%;
  • Diaria ricovero: 11 euro per un massimo di 300 giorni (con franchigia di 5 giorni);
  • Diaria gesso: 11 euro per un massimo di 60 giorni (con franchigia 5 giorni);
  • Morte/ferimento del cane: 260 euro fino a 1030 euro nel caso in cui il cane fosse iscritto all’ENCI – Ente nazionale Cinofilia Italiana;
  • Furto/scoppio del fucile: 516 euro.

Per il momento è esclusa la copertura per la tutela legale che, eventualmente, potrà essere compresa stipulando un’estensione con la compagnia assicurativa, ad un costo aggiuntivo.

Fondiaria Sai

Partner assicurativo storico di EnalCaccia, Fondiaria Sai offre una polizza assicurativa base di partenza di 65 euro. Le coperture comprese nel tesseramento base sono:

  • Responsabilità civile verso terzi (massimale 600.000 euro);
  • Rimborso per infortunio (morte o invalidità permanente), senza franchigia.

Tutte le altre casistiche quali diaria ricovero, diaria gesso, morte/ferimento del cane, non sono comprese nell’assicurazione base e pertanto andrà concordata un’eventuale estensione con la compagnia assicurativa.

Axis Accident & Healt e Lloyd’s of London

Con questa compagnia l’Associazione Nazionale Libera Caccia (ANLC) ha stipulato una convenzione assicurativa. La tessera base ha un costo di 55 euro e comprende:

  • Responsabilità civile verso terzi (massimale 520.000 euro);
  • Rimborso per infortunio (nessuna franchigia);
  • Diaria ricovero: 18 euro per un massimo di 90 giorni (franchigia di 5 giorni);
  • Diaria gesso: 8 euro per massimo 60 giorni (franchigia di 5 giorni);
  • Furto del fucile 1000 euro;
  • Scoppio canne 500 euro (franchigia pari a 40 euro);
  • Tutela legale: 15.000 euro per sinistro.

Itas Mutua

Si tratta della compagnia assicurativa convenzionata con EPS – Enti Produttori Selvaggina. Il tesseramento base, comprensivo dell’assicurazione base, è pari a 45 euro ed è comprensivo delle seguenti coperture assicurative:

  • Responsabilità civile verso terzi (massimale 1 milione di euro);
  • Rimborso per infortunio (morte o invalidità permanente) con franchigia del 5%.

Queste sono solamente alcune delle proposte per sottoscrivere una polizza assicurativa in convenzione con alcune delle più importanti associazioni venatorie presenti sul territorio italiano. Tuttavia, occorre precisare che per i cacciatori esiste anche un’ulteriore possibilità per sottoscrivere una polizza assicurativa caccia, questa ulteriore possibilità è rappresentata dalla stipula dell’assicurazione direttamente con la compagnia assicurativa di riferimento, senza passare per l’intermediazione dell’associazione venatoria. Si tratta di una possibilità che consente di usufruire di innumerevoli vantaggi, tra i quali quello di poter personalizzare la propria polizza a piacimento, ma allo stesso tempo presenta lo svantaggio di non beneficiare di sconti o promozioni che, diversamente sono garantite dall’intermediazione dell’associazione. Inoltre, un ulteriore svantaggio potrebbe essere rappresentato dal doversi occupare in prima persona di tutte quelle procedure amministrativo burocratiche che, diversamente verrebbero espletate dall’associazione.

Se state prendendo in considerazione la possibilità di sottoscrivere una polizza assicurativa venatoria in totale autonomia, potreste pensare di rivolgervi alle seguenti compagnie leader nel settore assicurativo:

  • Zurich Connect;
  • Generali Assicurazioni;
  • Italiana Assicurazioni.

Per ottenere informazioni più dettagliate sulle polizze assicurative offerte da queste compagnie assicurative, è opportuno prendere contatti diretti con esse e fissare un appuntamento in una delle filiali più vicine a casa vostra. Sui rispettivi siti internet, infatti non si trovano informazioni più dettagliate o ulteriori sulle condizioni di un’eventuale polizza assicurativa venatoria. Tuttavia, le compagnie assicurative sono sempre pronte a fornire un servizio di copertura assicurativa che sia il più possibile tagliato sulle singole esigenze dei suoi clienti e quindi non dovrebbe essere troppo difficile riuscire a ottenere il miglior preventivo per assicurazione venatoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.