Menu Chiudi

Assicurazione Smart 2022: preventivo con prezzo per Smart 600, 700, 800 Diesel e 1000 nuova o usata

Qual è il prezzo di un’assicurazione per Smart nel 2022? è una domanda che si pongono spesso tutte quelle persone che sono intenzionati ad acquistare questo tipo di automobile (nuova o usata). Verso la fine dello scorso millennio iniziarono a circolare anche sulle nostre strade delle vetture di dimensioni davvero ridotte: al primo sguardo potevano sembrare un po’ buffe e strappare un sorriso,  ma l’idea di avere una macchina così piccola da non avere praticamente mai problemi di parcheggio ha conquistato in fretta tantissimi italiani. Anche se si tratta di un mezzo lungo circa due metri e mezzo, pure i proprietari di una Smart devono rispettare l’obbligo di assicurazione: vediamo i prezzi e come ottenere i preventivi delle polizze per i vari modelli di Smart 600, 700, 800 Diesel e 1000.

Assicurazione Smart: quanto costa?

Come abbiamo detto in apertura, molte persone hanno scelto di acquistare una Smart per la sua comodità: a volte trovare un parcheggio può essere davvero un’impresa difficile da realizzare, ma con questa macchinetta ci si può infilare praticamente ovunque! Purtroppo non ci sono grandi vantaggi invece per quanto riguarda la voce delle spese: chi possiede una Smart si sarà sicuramente reso conto che non c’è tutta questa differenza tra il costo della sua polizza e quello che deve pagare il proprietario di una auto “normale”. Alcune indagini condotte in passato da alcuni siti specializzati nel settore della assicurazioni hanno mostrato che il modello della macchina alla fine dei conti non incide più di tanto sul costo dell’assicurazione annuale: hanno un maggiore peso sul premio finale altre variabili come l’età del proprietario, lo storico dei sinistri, la tipologia di guida (libera o esclusiva) e la classe di merito.

Nata nel 1996 come Micro Compact Car Gmbh e poi diventata Smart Gmbh nel 2002, la casa automobilistica tedesca appartiene al gruppo Daimier AG (che detiene anche il marchio Mercedes-Benz): la sua ForTwo (che prima si chiamava semplicemente Smart) è stata la protagonista di una vera e propria rivoluzione nel campo automobilistico. Una macchina lunga due metri e mezzo non si era mai vista: pensata per circolare in città, la Smart può portare solo due persone e si caratterizza per un equipaggio di tutto rispetto e per un design molto particolare che ha conquistato tutti. Nel corso degli anni sono state lanciate sul mercato anche la Smart Roadster (la versione sportiva della ForTwo) e la Smart ForFour con i suoi quattro posti; in realtà queste varianti non hanno avuto il successo sperato, così nel 2007 la casa automobilistica tedesca per rimettere a posto i conti ha pensato di riproporre una nuova Smart ForTwo, con tante novità a livello di motoristica, sicurezza e stile, trovando il successo anche negli Stati Uniti.

Prezzo della polizza per Smart 600, 700, 800 Diesel e 1000 nuova o usata

Navigando tra i vari forum specializzati si possono trovare le discussioni relative all’assicurazione Smart: molti possessori di auto di questo tipo si lamentano perché ritengono troppo alto il premio fissato dalle compagnie di assicurazione. Per le assicurazioni stipulate presso un’agenzia si parla di cifre superiori agli 800 euro; si risparmia qualcosina con le assicurazioni online (sempre più persone scelgono soluzioni di questo tipo sia per la convenienza che per la comodità di poter fare tutto da casa e di poter confrontare varie soluzioni prima di scegliere quella più adatta): per la sola RC Auto obbligatoria il costo è di solito tra i 400 e i 450 euro. C’è poi la possibilità di personalizzare la polizza aggiungendo ulteriori garanzie opzionali, ovviamente accettando un rincaro del costo finale dell’assicurazione Smart.

Le cifre di cui abbiamo parlato finora fanno riferimento a macchine nuove: al momento il catalogo Smart prevede solo modelli elettrici (sia per la ForTwo che per la ForFour) con diversi allestimenti e prezzi a partire da 24.197,60 euro, ma nel mercato dell’usato c’è ancora tanta richiesta per i modelli dotati dei tradizionali motori termici, come la Smart 600, la Smart 700, la Smart 800 Diesel e la Smart 1000. Alcuni decidono di puntare sui modelli delle prime due generazioni perché non sono ancora del tutto convinti dell’efficacia delle auto elettriche, mentre altri lo fanno semplicemente per risparmiare. Il problema è che dal punto di vista dell’assicurazione i costi saranno più elevati; il motivo è molto semplice: il costo della RC Auto (come vedremo anche più avanti) è influenzato anche dall’età del veicolo, con la quale è direttamente proporzionale (ovvero: più è vecchia la macchina e più alto sarà il prezzo dell’assicurazione). Molti si chiedono come mai le compagnie fissano dei premi più alti per auto usate; alla base di questa scelta ci sono fondamentalmente due supposizioni: la prima è che chi acquista un’auto usata di solito risulta essere meno attento alla guida, mentre la seconda è che le auto usate hanno più probabilità di guastarsi rispetto a quelle nuove, e queste le rende meno sicure. Sono supposizioni su cui qualcuno avrà molto da ridire (soprattutto per quanto riguarda la prima), ma la realtà purtroppo è questa.

I fattori che determinano il costo dell’assicurazione Smart

Il costo della polizza auto, e l’assicurazione Smart rispetta questa regola, viene calcolato sulla base di diversi fattori: alcuni riguardano il veicolo, altri i dati anagrafici del suo proprietario e conducente e altri ancora riguardano la storia assicurativa. Come abbiamo spiegato nel paragrafo precedente, per le macchine nuove sono previste tariffe più basse rispetto alle auto usate, ma non è l’unico valore che incide sul premio dell’assicurazione:

  • la data di immatricolazione (è il parametro in base al quale viene stabilità l’anzianità dell’auto);
  • l’alimentazione del veicolo (in alcuni casi per le auto alimentate a gas o a metano sono previste tariffe più elevate);
  • l’anno di acquisto (se c’è discrepanza tra questa data e quella di immatricolazione significa che il mezzo ha avuto più di un proprietario);
  • il modello del veicolo;
  • l’allestimento dell’auto (che riepiloga la cilindrata, i KW/cavalli vapore, l’alimentazione e gli optional di serie);
  • il tipo di utilizzo e i chilometri percorsi (le macchine che vengono utilizzate molto spesso o per motivi di lavoro hanno costi assicurativi più alti rispetto a quelle che vengono utilizzate solo nel tempo libero);
  • il tipo di antifurto e di ricovero notturno (sono voci che vanno ad incidere sull’eventuale polizza Furto e incendio).

Passiamo ora agli elementi relativi al proprietario e conducente del veicolo (nonché contraente della polizza) che concorrono alla determinazione del costo finale dell’assicurazione:

  • è una persona fisica, giuridica o una società? (la tipologia di proprietario indicata sulla polizza può determinare cambi di tariffa);
  • la residenza (il comune, la provincia e la regione di residenza hanno un peso importante sul premio finale);
  • la data di nascita e l’anno in cui è stata ottenuta la patente (i neopatentati e i conducenti giovani vengono considerati dalle compagnie guidatori inesperti, e questo incide eccome sul costo dell’assicurazione Smart e altri veicoli).

La determinazione del premio viene influenzata anche dai dati relativi alla situazione assicurativa, ovvero:

  • la data di decorrenza della copertura (in alcuni casi è possibile ottenere degli sconti se si acquista la polizza con un determinato anticipo sulla data di decorrenza);
  • la classe CU (la classe universale è un parametro che indica la posizione dell’assicurazione nella scale valori Bonus/Malus: la scala va da 1 a 18 e a chi si assicura per la prima volta viene assegnato una classe 14, a meno che non benefici del decreto Bersani ed erediti una migliore CU di un componente della famiglia già assicurato; il punteggio CU si aggiorna ogni anno ed è uno dei fattori più importanti per la determinazione del costo della polizza);
  • il primo anno sull’attestato di rischio (l’attestato di rischio riepiloga lo storico assicurativo relativo agli ultimi cinque anni; dal punto di vista delle tariffe essere stati assicurati da almeno cinque anni può rappresentare un vantaggio);
  • il numero e la tipologia di sinistri (in quanti incidenti si è stati coinvolti? E con quale grado di responsabilità? Le risposte a queste domande influiscono sul prezzo della polizza);
  • il numero di auto assicurate possedute in famiglia (oltre alla possibilità di beneficiare del decreto Bersani, la presenza di altre auto in famiglie in alcuni casi permette di ottenere sconti sul costo dell’assicurazione).

Come ottenere un preventivo online per assicurare una Smart

All’interno di questo articolo abbiamo indicato quelli che in linea di massima possono essere i costi di un’assicurazione Smart; per avere un’idea più precisa è possibile sfruttare i tanti strumenti che sono disponibili online per avere un preventivo personalizzato. Questo lo si può ottenere collegandosi ai siti ufficiali delle varie compagnie di assicurazione oppure facendo una ricerca tramite i siti comparatori. Sui siti delle singole compagnie (soprattutto quelle che vendono le loro polizze direttamente online) è possibile ottenere un preventivo dell’assicurazione Smart inserendo negli appositi spazi solo il numero di targa del mezzo e la data di nascita del proprietario. Di solito i  preventivi calcolati online hanno la validità di 60 giorni: se la polizza non viene acquistata entro questo termine sarà necessario fare un nuovo calcolo aggiornato. In alcuni casi per conoscere il costo della polizza online bisogna fornire una serie di dati, ovvero la marca, il modello e l’allestimento della Smart, il mese e l’anno della prima immatricolazione al PRA, il mese e l’anno di acquisto (se l’auto è stata comprata nuova, questa data coincide con quella di immatricolazione), il codice fiscale o la partita IVA di chi risulta intestatario dell’auto al PRA. Se quando si vuole calcolare un preventivo l’auto risulta essere già assicurata, bisognerà indicare anche la targa del veicolo, la scadenza annuale della polizza in corso, la classe Bonus/Malus e i sinistri con colpa o meno avvenuti nel corso degli ultimi cinque anni. Se sulla macchina esiste un vincolo finanziario sarà necessario specificare anche a scadenza del finanziamento o del leasing e gli estremi della società finanziaria.

A volte riuscire a recuperare tutti questi dati può essere un po’ complicato: per reperire i dati della Smart bisogna consultare il Libretto o Carta di circolazione, ma si possono trovare anche sulla fattura di acquisto e sulla polizza precedente. La Classe Bonus/Malus si può trovare sull’Attestato di rischio (la compagnia di assicurazione deve metterlo a disposizione dell’assicurato almeno trenta giorni prima della scadenza del contratto), dove sotto la voce Sinistrosità Pregressa è possibile trovare il numero dei sinistri. In alcuni casi (ad esempio se la polizza corrente è stata stipulata all’estero, se l’ultima polizza è scaduta da cinque anni e altre specifiche condizioni) le compagnie preferiscono che i clienti si rivolgano presso una loro agenzia o chiamino il servizio clienti per avere un preventivo corretto.

Per avere una panoramica completa e poter fare un confronto immediato delle soluzioni proposte dalle diverse società assicuratrici è possibile fare una ricerca su uno dei tanti siti comparatori presenti sul web (ormai molti di loro hanno raggiunto una notorietà e un livello di affidabilità altissimi). Anche in questo caso per poter vedere i preventivi è necessario indicare alcuni dati: le informazioni da inserire nel modulo possono differire leggermente da sito a sito, ma in linea di massima vengono richiesti: il tipo di contraente (uomo, donna o persona giuridica), la data di nascita, il comune di nascita, se si è sposati o meno, se si hanno figli conviventi (e se sono maggiori o minori di 17 anni), il titolo di studio, la professione, il comune di residenza e l’anno di conseguimento della patente. Dopo aver immesso tutti questi dati personali arriva il momento di inserire il numero di targa della vettura (una volta fatto questo il sistema riepiloga tutti i dati della macchina: anno di acquisto, marca, modello, allestimento e così via) e poi tutti i dati assicurativi e relativi all’attestato di rischio del proprietario e ai conducenti. È l’ultimo passo: nella nuova schermata vengono riepilogate tutte le assicurazioni Smart proposte dalle varie compagnie di assicurazione e fare un confronto (che è il modo per riuscire a risparmiare un po’ di soldi) sarà molto più semplice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.