Menu Chiudi

Assicurazione Prestito Personale 2022: calcolo rimborso, cosa copre e quanto costa con Findomestic e Agos

Vedremo cosa offrono le agenzie Findomestic e Agos, e se davvero conviene pensare ad una polizza assicurativa da allegare alla richiesta di un prestito personale.

Assicurazione prestito personale Findomestic 2022

Pensare di crearsi un salvagente assicurativo, quando si ci sobbarca di un prestito personale è una mossa che potrebbe risultare vincente per la messa in sicurezza del patrimonio e di quello dell’intera famiglia.

Findomestic, istituto di credito italiano nato nel 1984 e specializzato nel prestito a consumo, ad oggi rappresenta uno dei massimi leader del settore, sotto l’egida del gruppo BNP Paribas.

Da sempre attento alla salvaguardia degli interessi dei propri clienti, Findomenstic ha da poco istituito un’assicurazione del tutto facoltativa, sui prestiti personali in caso di imprevisti che possano compromettere la capacità di rimborso.

La possibilità di scegliere se assicurare o meno il propri prestito personale, è sancita da una norma italiana, che tuttavia non prevede l sessione del quinto al quale è obbligatorio per legge apporre una polizza vita e rischio lavoro.

L’imprevedibilità della vita spesso è causa anche di importanti problemi economici sia per l’interessato che per la famiglia, a questo proposito un’assicurazione può rappresentare una valida soluzione per non incappare in situazioni spiacevoli.

Findomestic offre un pacchetto che vuole tutelare i suoi clienti in caso di decesso, di invalidità permanente di grado superiore al 60% o oltre, perderà dell’impiego  per coloro che al momento della stipula sono in possesso di un contratto con un’azienda privata e inabilità temporanea o totale. Quest’ultima in particolare fa riferimento alle situazioni di dipendenti di un’azienda pubblica, pensionati o non lavoratori.

Il costo dell’assicurazione varia a seconda dell’importo finanziario che si è richiesto o in base alla rata mensile, tuttavia è possibile richiedere un preventivo presso una delle tantissime filiali Findomestic sparse per l’Italia.

Questa soluzione può far tirare un respiro di sollievo a tutti coloro che si sono sobbarcati l’impegno del rimborso di un prestito personale ma nel tempo si sono ritrovati in situazioni come quelle sopracitate.

In caso di decesso o invalidità permanente, Findomestic eroga una liquidazione di importo pari al debito residuo in linea capitale alla data del sinistro, ovviamente ponendo un tetto massimo a 100000 €; per quanto riguarda la perdita di impiego o la temporanea inabilità totale, che impossibilitano il debitore ad accedere ad una fonte reddituale, con Findomestic è prevista la liquidazione di un’indennità pari alle rate mensili del finanziamento che scadono durante il restante periodo di disoccupazione o inabilità, al netto dei giorni di franchigia, fino ad un massimo di 1.500 € e nei limiti previsti dalla polizza.

E’ importante dire che, queste proposte non sono rivolte a tutte senza limitazioni; infatti non è possibile procede alla richiesta della polizza assicurativa per coloro che hanno un età maggiore di 67 anni, in caso di finanziamento a rata flessibile, né maggiore di 70 in caso di finanziamento a rata costante; inoltre non è possibile a coloro che al momento della stipula contrattuale presentano uno stato di invalidità superiore al 34%, oppure a coloro che hanno una pensione di invalidità oppure ne hanno fatto richiesta negli ultimi mesi; l’assicurazione fa riferimento alle persone  che hanno la residenza su suolo italiano e non è possibile per i cittadini di Stati sottoposti ad embargo Onu.

Oltre a questo è essenziale ricordare che il premio assicurativo non ha valenza in caso di dolo da parte dell’assicurato, azioni legate ad atti del tutto intenzionali, come auto lesioni  o sinistri provocati dallo stesso; e sinistri o lesioni che siano dipendenti da uno stato depressivo conclamato. Non è possibile richiedere l’assicurazione quando l’interessato si sia lesionato durante corse automobilistiche di velocità o relativi allenamenti, paracadutismo, o incidenti che siano conseguenza di attività professionistiche legate al mondo aereo.

Nel caso di incidente che abbia causato dei danni di entità importante come invalidità permanente, invalidità temporanea temporanea o decesso,  l’interessato o chi ne fa le veci, devono portare la cartella clinica ospedaliera all’agenzia di riferimento e procurarsi un certificato medico che attesti lo stato clinico del paziente.

L’interessato al momento della sottoscrizione della polizza assicurativa deve sottoporsi al un questionario medico per un accertamento dell’effettivo stato di buona salute, inoltre il soggetto ha l’obbligo per contratto di contattare immediatamente la compagnia assicurativa in caso di perdita di uno dei requisiti richiesti da contratto.

Findomestic offre anche l’opportunità di ripensamento, recedendo dalla polizza entro 60 giorni dalla sua firma, ma in caso di durata di un numero maggiore di anni, l’interessato può far richiesta di recesso solo ed esclusivamente se sono trascorsi almeno cinque anni dalla data della decorrenza.

La polizza assicurativa si attiva nelle 24 ore immediatamente successive all’erogazione del finanziamento richiesto.

Findomestic ha inoltre pensato anche alle situazioni, dove l’esborso del finanziamento è stato possibile anche grazie alla presenza di un garante. A questo proposito l’agenzia propone CPI per due ,ovvero due pacchetti assicurativi,  che non solo proteggono l’effettivo beneficio del finanziamento, ma anche il garante ( partner o coniuge) da situazioni di instabilità economica dovuti ad impossibilità lavorativa, problematiche di salute o incidenti.

I pacchetti “per due”, chiaramente differiscono in termini di garanzie e si modellano in base all’attività lavorativa. In caso di lavoratori dipendenti privati, l’assicurazione in questione “ASSICURAZIONE DIPENDENTI PRIVATI” andrà a coprire casi di decesso, inabilità totale permanente, inabilità totale temporanea e perdita d’impiego, mentre se è dipendente pubblico, pensionato, o non lavoratore,  l’assicurazione si attiverà automaticamente nei casi di decesso, inabilità temporanea totale, inabilità permanente di almeno il 60 %, stando alle tabelle Inail.

Il garante in questione potrà invece accedere all’Assicurazione Garante, in ambedue le situazioni, che o garantiranno in caso di decesso, ma anche in caso di Invalidità permanente.

Anche in questo caso il premio assicurativo è da calcolarsi in base all’importo del prestito personale che si è richiesto e in base alle rate.

Per fornire dei numeri concreti e dare un’idea relativamente ai costi di una polizza assicurativa, basti pensare che per l’erogazione di un prestito dell’importo di 20000€, da dividere in 84 rate, Findomestic richiede 21€.

Il pagamento, al pari di altri istituti bancari , può avvenire in un’unica soluzione, oppure è possibile diluirlo in rate da sommare all’importo delle rate del rimborso.

Ovviamente essendo un assicurazione accessoria, e non obbligatoria, non è prevista nel conto totale del TAEG.

Domandarsi se procedere con una polizza assicurativa lecito , in quanto implica dei costi aggiuntivi a quelli del rimborso rateizzato del finanziamento, ma Findomestic lo consiglia fortemente ai suoi clienti che non hanno delle entrate fisse, oppure alle persone che necessitano di  un prestito dall’importo elevato, oppure a quelli che non hanno un contratto di lavoro sicuro.

E’ indubbio affermare che non è necessario sottoporre una polizza assicurativa nei casi di erogazione di un finanziamento non superiore a 10000 €.

Assicurazione prestito personale Agos 2022

Agos è un altro dei grandi colossi del ramo finanziario, impegnata da anni nell’erogazione di crediti per le famiglie, è legata al gruppo francese Credit Agricole consumer finance, azienda leader per i consumatori francesi ed appartiene al banco BMP Paribas.

Anche Agos negli ultimi anni ha deciso di proporre ai propri clienti una polizza assicurativa in grado di fornire protezione in caso di impossibilità di pagamento del rimborso rateale.

Le polizze proposte sono del tutto facoltative , ma in casi in cui l’importo del prestito è molto elevati, l’agenzia può richiederla come un requisito fondamentale al fine di avere maggiori garanzia per il rimborso, oppure se il beneficiario è definito soggetto a rischio.

La Credit Protection Insurance , è la formula ideata da questo istituto di credito per le situazioni di difficoltà, che causano l’impossibilità di rendere il rimborso all’isituto finanziario.

Al pari di Findomestic, anche Agos propone una polizza del tutto facoltativa (seppur altamente consigliata ) , da abbinare al prestito personale al momento della firma del contratto finale.

Il funzionamento è elementare: in caso di situazioni gravi ed imprevisti, l’assicurato potrà avere la tranquillità per ciò che riguarda l’importo  del finanziamento.

Rispetto a Findomestic, Agos ha dei parametri leggermente differenti per l’erogazione della polizza assicurativa;  questa entra in funzione quando si presentano casi di inabilità totale del soggetto non inferiore al 66%, seguendo le tabelle proposte da INAIL; inabilità totale derivante da un infortunio, e in tal situazione l’istinto di credito  si impegna a risarcire l’interessato per ogni singolo mese della durata di malattia, con un importo pari all’ammontare delle rate mensili del finanziamento che l’Assicurato deve ancora corrispondere secondo il piano di rimborso in essere a tale data.

Da parte del beneficiario della polizza, c’è l’obbligo di denunciare tempestivamente un sinistro fornendo all’agenzia tutta la documentazione necessaria per la procedura e garantendo delle risposte precise e corrette relativamente al questionario che viene fornito sulla valutazione del rischio.

E’ importante la massima serietà e precisione in quanto, un mancato rispetto di questi obblighi potrebbe compromettere il diritto di essere rimborsai dalla polizza assicurativa-.

Le limitazioni di copertura istituite da Agos sono relative a dei danni fisici già diagnosticati nel passato, infortuni causati da atti di auto lesionismo, infortuni derivanti da interventi a puro carattere estetico e non salutistico, infortuni derivati dalla pratica di sport potenzialmente pericolosi ed estremi ed infortuni derivati dalla partecipazione a manifestazioni pericolose o tumulti.

Inoltre dalla copertura assicurativa sono escluse tutte le situazioni che sono strettamente correlata ad infermità mentale.

Agos a parte propone un’altro pacchetto assicurativo definito Coperto Easy, che riguarda le situazioni di decesso.

Con questo prodotto il beneficiario ha la possibilità di indennizzare il debito residuo in caso di decesso del beneficiario, venendo così incontro alle esigenze della famiglia o del garante.

Coperto easy ovviamente non va a tutelare le situazioni di suicidio, e non è estendibile a coloro che hanno riportato atti di lesionismo, nei 12 mesi antecedenti la stipula contrattuale, e non è prevista neanche per gli over 65. Pur essendo sempre attento alle necessità dei propri clienti, tramite queste limitazioni, Agos si autotutela, garantendosi in questo modo una maggiore sicurezza di rimborso.

Il contratto assicurativo contempla anche una clausola con diritto di recesso, che dovrà avvenire entro e non oltre 30 giorni dal momento dell’erogazione del finanziamento.

Per coloro che invece hanno deciso, ed hanno avuto la possibilità di rimettere il costo complessivo del finanziamento con minore tempistica è bene informarsi sulla possibilità di richiedere il premio non goduto.

Il costo delle polizze assicurative sui prestiti personali di certo, non hanno un costo da sottovalutare, per questo è bene considerare tutti gli aspetti sia positivi che negativi. Agos chiede il pagamento generalmente del 4,5 % del premio assicurativo complessivo.

Le modalità di pagamento sono due: o dilazionare il costo totale in rate, da associare a quelle relative al rimborso del prestito personale, oppure procedere ad un pagamento in una sola rata.

I clienti generalmente propendono per la prima opzione, in modo tale da ammortizzare la spesa sul bilancio famigliare.

Il consiglio di Agos, dinanzi all’annoso dilemma “procedere o meno alla polizza assicurativa”, è quello di valutare la propria situazione finanziaria e lavorativa. In particolare è consigliabile nei casi di incertezza lavorativa, oppure nei casi di entrate mensili non fisse. E’ invece un costo sotto valutabile, se si necessità di un prestito di importo non esageratamente elevato.

In ogni caso è bene valutarne la convenienza, valutando attentamente il contratto proposto dall’istituto finanziario, prestando un occhio un più alle clausole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.