Menu Chiudi

Assicurazione Barca 2022: quanto costa per motore, carrello e barca a vela, preventivo online

Avere un mezzo marittimo è un’esperienza che ha dei propri rischi e di cui bisogna assumersi le responsabilità legali, che non sono indifferenti. Per poter avere una barca, è obbligatorio stipulare un’Assicurazione per la barca, che comprenda la responsabilità civile per poter coprire degli eventuali danni che possono essere arrecati a terzi con la propria imbarcazione. Si possono stipulare anche delle polizze nautiche che comprendano la copertura dei danni a sé stessi, come l’incendio ed il furto. La polizza cambierà a seconda del mezzo da assicurare, poiché ogni mezzo è diverso.

Perché stipulare un’assicurazione sulla barca?

La definizione di “polizza nautica” comprende sia le imbarcazioni a motore che le imbarcazioni non a motore, come barche a vela, barche a remi, barche a pedali, etc.

Le attività di navigazione possono essere pericolose sia per gli altri, che per sé stessi, perciò occorre una polizza assicurativa per proteggere noi stessi e gli altri, dai danni che possono essere provocati.

L’obbligo di assicurazione per le barche comprende tutte le novità da diporto e devono comprendere la polizza di responsabilità civile, per gli eventuali danni provocati da terzi, con un massimale di due milioni e 500 mila euro.

Per unità da diporto s’intendono tre categorie di mezzi di trasporto marittimo: i mezzi natanti, le imbarcazioni e le navi. I mezzi devono essere utilizzati per scopo ricreativo o sportivo, senza fini commerciali; la navigazione è limitata alle acque marittime ed interne. La differenza fra questi tre mezzi viene data dalla lunghezza del mezzo marittimo: fino ai 10 metri di lunghezza è un natante, dai 10 metri ai 24 metri di lunghezza è un’imbarcazione ed oltre ai 24 metri di lunghezza è una nave.

Per questa distinzione, sono esclusi i mezzi marittimi utilizzati per la pesca professionale o per quei mezzi impiegati per altre attività di natura marittima. Per questi mezzi appena citati, esistono un altro tipo di normative specifiche, anche nell’ambito assicurativo.

Uno dei criteri che determinano il prezzo dell’assicurazione di un mezzo marittimo è sicuramente il peso: ovviamente più il peso di un mezzo marittimo è elevato, più il prezzo della polizza assicurativa sarà alto.

Altro criterio è l’equipaggiamento: un mezzo marittimo può essere a motore, a remi, a vela o avere un sistema di propulsione.

I mezzi marittimi hanno l’obbligo di assicurazione anche se i mezzi sono solamente ormeggiati. A confermarlo è stato la Corte di Cassazione con la sentenza numero 497/2000, poiché i mezzi utilizzano uno spazio non privato, anche se sono ferme ormeggiate.

Sulle unità da diporto è obbligatorio presentare l’assicurazione per la responsabilità civile, ma è anche obbligatorio tenere sul mezzo il certificato di assicurazione ed il relativo contrassegno.

L’analisi per la polizza delle barche nuove o seminuove avviene tramite i prezzi di listino, mentre per i mezzi marittimi che hanno più anni, l’analisi del mezzo avviene tramite un perito, a carico dell’assicurato.

La navigazione deve avvenire in aree di navigazioni ben limitate (il Mediterraneo, perlopiù) e se si vuole navigare in acque dolci, allora il prezzo della polizza sarà più alto. Se l’utilizzo del mezzo marittimo è circoscritto in pochi mesi, si può richiedere una limitazione temporale alle forze dell’ordine, così il premio assicurativo avrà un prezzo più basso. Vediamo quali sono le diverse polizze più convenienti per i vari tipi di imbarcazione.

Polizze assicurative per mezzi marittimi a motore

Il motore marino dei mezzi marittimi può essere a combustione, quindi sia diesel che benzina e sia a due che a quattro tempi, oppure elettrico, dotato di propulsione a elica o a idrogetto. Quest’ultimo tipo di motore può essere montato e smontato, così da poterlo utilizzare anche su altre imbarcazioni; questo tipo di motore viene detto anche amovibile e la polizza assicurativa che si applica su esso, viene esteso anche al natante da cui viene montato.

Per quanto riguarda il primo tipo di motore, ovvero non amovibile, esso può essere un motore marino entrobordo o un motore marino entrofuoribordo.

La polizza assicurativa viene applicata sul natante o sull’imbarcazione dov’è montato il motore, poiché non è possibile smontare e spostare il motore in questione, per utilizzarlo su un altro natante.

Dal 2003, con la legge n. 72/2003, ovvero quando è stata riformata la disciplina della nautica da diporto, la polizza assicurativa deve essere applicata ad ogni tipo di mezzo marittimo, qualunque sia la sua potenza.
Prima di questa legge, la polizza assicurativa doveva essere fatta solo per i mezzi che superassero i tre cavalli fiscali.
Con la legge del 2003, non importa quale sia la potenza del motore, l’assicurazione è obbligatoria in ogni caso.

Una delle agenzie di assicurazioni più importanti per l’assicurazione di barche a motore è la Pantaenius. Ad esempio, per le barche a motore prevede una polizza molto conveniente.

La polizza offerta prevede una protezione a 360 gradi, che garantisce sui danni alla barca a motore, ma che comprende una protezione anche sull’equipaggiamento e sugli accessori, come in caso di furto, incendio, forze maggiori, naufragio ed urto col fondale. Il valore della polizza viene concordato insieme al cliente e viene totalmente rimborsato in caso di perdita totale. In questo caso il costo della franchigia non viene applicato, ma anche nel caso di furto con scasso, perdita o danno durante il trasporto, danni dovuti ad incendi e fulmini e perdita o danni di effetti personali.

Nella polizza assicurativa è possibile aggiungere anche numerose opzioni, come le spese per urgenze mediche (che copre le spese sostenute per urgenze mediche all’estero ed i costi di riparo per l’imbarcazione), le spese per il salvataggio (in caso di dispersione in mare), le spese per la copertura d’infortuni legati all’utilizzo di materiali per sport nautico e le spese per coprire gli incidenti in caso di decesso o invalidità permanente.

Assicurazioni carrello barca

Il carrello barca è quel tipo di rimorchio che viene utilizzato per trasportare l’imbarcazione, di qualunque tipo, via strada. Questo tipo di rimorchio è spesso utilizzato per il rimessaggio invernale e varia seconda del tipo di utilizzo del carrello.

In ogni caso, anche il carrello barca ha bisogno di una polizza assicurativa, con un’estensione per la Responsabilità civile, stipulata sul veicolo trasportato.

Ci sono due tipi di carrello barca: il primo è il carrello appendice, usato per il trasporto dell’equipaggiamento, delle borse e dei bagagli e che per la legge risulta come estensione del veicolo trainante. Quest tipo di carrello non ha un vero e proprio documento d’immatricolazione, poiché sono appendici di un altro veicolo, perciò l’assicurazione non è obbligatoria.

L’altro tipo di carrello è detto carrello porta barca o rimorchio, che ha una dimensione ed una capacità di carico superiori. Vengono considerati dei mezzi indipendenti e necessitano di un loro libretto di circolazione. Questo tipo di carrello ha bisogno di una polizza assicurativa.

Quando questi carrelli sono attaccati ad un’auto, che li trasporta su strade pubbliche, allora c’è bisogno di un’estensione dell’assicurazione anche per il carrello. L’assicurazione da fare, comprende una copertura per i danni a terzi quando il rimorchio è trainato o nel caso si stacchi quando è in movimento. Quando è fermo, per esempio se è posteggiato in un parcheggio pubblico, bisogna applicare un’assicurazione a rischio statico, che copre i danni fatti a terzi in caso di mossa accidentale del carrello, come nei casi di aggancio e sgancio dall’auto. Il costo di quest’ultima polizza è solitamente molto bassa ed ha un costo di poche decine di euro.

Per i carrelli barca, è possibile applicare un’assicurazione che copra anche gli oggetti che trasporta, come accessioni e materiale per l’imbarcazione, così da poter avere una sicurezza anche sul contenuto.

Assicurazione per barca a vela

Come abbiamo già detto, anche le barche senza motore hanno bisogno di una loro polizza assicurativa e questo campo comprende anche le barche a vela.

Dopo l’acquisto di una barca a vela, bisogna sottoscrivere una polizza assicurativa di responsabilità civile. La copertura di questo tipo di polizza assicurativa è imposta dalla legge e permette di risarcire un danno commesso nei confronti di terzi (persone o cose) durante la navigazione o anche quando la barca è ormeggiata in porto o si trova sulla terraferma, sia per urti, che per incidenti ed eventi naturali.

Ovviamente scegliere la polizza assicurativa dipende molto anche dal portafoglio dei clienti. Per scegliere la polizza assicurativa migliore, ci si può rivolgere ad un intermediario, come un agente assicurativo, presso le agenzie o gli uffici relativi, oppure optare per il web, dove sono presenti numerosi siti che mettono a comparazione i prezzi più convenienti delle assicurazioni per le barche; oppure ci si può rivolgere ai siti specifici delle agenzie di assicurazione.

Quasi tutte le agenzie assicurative proporranno una polizza per la Responsabilità Civile (RC) ed i prezzi sono quasi gli stessi. I prezzi migliori e la competitività delle agenzie si assicurazione si trovano sulle polizze accessorie, con le quali il cliente può caratterizzare la propria polizza assicurativa.
La Responsabilità Civile, infatti, può essere integrata con coperture aggiuntive che tutelano i danni causati da furti ed incendi dell’imbarcazione, la sua perdita o l’abbandono, la tutela dell’equipaggio e del materiale trasportato, etc.

Molte polizze accessorie comprendono una copertura per danni all’apparato motore ed all’impianto elettrico, per i difetti occulti dello scafo e dei motori, per il passaggio in acque non protette, per le spese di salvataggio, per atti vandalici e danni provocati da eventi atmosferici, per la pirateria, per i trasferimenti terrestri (ovvero quando la barca viene trasportata via terra), per terremoto ed eruzioni vulcaniche, per danni dovuti ad incendi o fulmini, per accidenti nelle pratiche di carica, scarica, maneggiamento scorte, equipaggiamenti, attrezzature, motori e carburante, per danni per negligenze, per le spese di rimozione e distruzione del relitto o cambio dell’armamento.

Con le polizze assicurative più comuni, la navigazione è limitata nel contratto assicurativo e, generalmente, è valida nel Mediterraneo, fra lo Stretto di Gibilterra, lo stretto dei Dardanelli e l’imboccatura mediterranea del canale di Suez.

Preventivo online di polizza assicurativa per i mezzi marittimi

Per fare una polizza assicurativa online per un mezzo marittimo, ci sono diverse strade che il cliente può compiere: ci si può rivolgere agli agenti assicurativi, per avere un contatto diretto ed ottenere la polizza assicurativa più conveniente, ci si può rivolgere direttamente alle agenzie assicurative, magari di fiducia oppure si può andare sul web per ottenere la polizza assicurativa più conveniente.

Sul web sono disponibili diversi portali per poter comparare le diverse offerte per polizze assicurative ed ottenere quella più conveniente ed adatta alle nostre tasche ed alle nostre esigenze.

Rivolgendosi a questi portali online, c’è sicuramente un risparmio sul costo della polizza, anche se non c’è la consulenza “fisica”, che si avrebbe nel rivolgersi ad un intermediario assicurativo.

Sul web bisogna stare attenti alle limitazioni presenti nei contratti web, specialmente al costo delle franchigie, ovvero l’importo fisso prestabilito che va ad aggiungersi al carico dell’assicurato per ogni tipo di sinistro; il costo della franchigia può essere espresso in cifra o in percentuale.

Sicuramente, approcciandosi ai portali web, si risparmia in termini di prezzo e tempo, così come per le assicurazioni per le auto o personali.

Uno dei maggiori portali per la comparazione delle polizze assicurative più convenienti è Skippermate(www.skippermate.com) che permette di confrontare i preventivi delle principali compagnie assicurative che si occupano di polizze per mezzi marittimi. Con questo portale, è possibile acquistare anche l’assicurazione KASKO per la barca e di risparmiare fino al 30% sul costo della polizza assicurativa.

Bastano solamente due minuti per avere le polizze assicurative più convenienti, a seconda delle esigenze del cliente, compilando un semplice modulo. I preventivi saranno validi per sessanta giorni e potranno essere acquistati con diverse modalità di pagamento, direttamente online: si può pagare mediante carta di credito, bonifico o assegno.

Il modulo va compilato col tipo d’imbarcazione, il nome e la targa, la marca ed il modello, il prezzo d’acquisto, il valore da assicurare, la lunghezza, la velocità massima, l’anno dell’imbarcazione, la nazionalità, la presenza di oggetti a bordo, il numero di motori, l’eventuale presenza di moto d’acqua e di estintori.

Poi ci saranno anche parti da compilare con le informazioni dell’assicurato sul proprio passato assicurativo, come gli eventuali sinistri avuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.