Menu Chiudi

Assicurazione sanitaria per stranieri in Italia 2022: regole per studenti extracomunitari, ASL, migliori polizze mediche private

Tanti stranieri sognano di approdare almeno una volta nella vita nel Bel Paese, ma bisogna sempre avere delle accortezze ed essere in ordine con la documentazione necessaria, prima su tutte l’assicurazione sanitaria.

Nel seguente articolo si parla di tutte le regole vigenti nel 2022 previste per gli studenti extracomunitari, quelle delle ASL ed infine tutte le migliori polizze mediche private presenti sul mercato.

Assicurazione sanitaria per studenti stranieri extracomunitari in Italia: le regole in vigore nel 2022

Prima di entrare nello specifico dell’argomento, è bene chiarire cos’è e a che cosa serve l’assicurazione sanitaria per stranieri in Italia.

Questo è un documento necessario per il rilascio del visto di ingresso per un soggiorno di breve durata (non superiore a 90 giorni), previsto dal regolamento Europeo per stranieri provenienti da paesi extra-UE che vengono in Italia o nello Spazio Schengen.

L’assicurazione sanitaria certifica che i richiedenti, abbiano una polizza in grado di coprire le spese per cure mediche, ricovero ospedaliero e rimpatrio a seguito di un infortunio o malattia, di importo pari a 30.000€.

Anche gli studenti provenienti da paesi extra-UE devono essere in regola sotto il profilo sanitario per avere il visto di studio.

Coloro che sono interessati a seguire corsi universitari, corsi di formazione professionale oppure studi di ricerca e attività inerenti all’ambito culturale, devono essere in possesso di un documento in grado di consentire l’ingresso in Italia ai fini di un soggiorno di breve o lunga durata, ma a tempo determinato.

Tra i requisiti da soddisfare, è presente anche il possedimento di un’assicurazione sanitaria in grado di coprire le spese di cura ed eventualmente quelle di rimpatrio, in caso di necessità.

In Italia questa è garantita in forme differenti, a seconda della provenienza dei cittadini in soggiorno.

Molto spesso gli studenti stranieri che si recano in Italia, hanno l’opportunità e la disponibilità economica per permettersi un’assicurazione privata; tuttavia il sistema italiano contempla anche diverse opzioni per fornire agli studenti delle prestazioni mediche previste dal sistema Sanitario nazionale.

Gli studenti stranieri provenienti da aree comunitarie, dallo spazio economico europeo e dalla Svizzera possessori della Tessera Sanitaria TEAM ( tessera Europea di Assicurazione Malattia), possono utilizzare tranquillamente tutti i centri medici ospedali e le cliniche convenzionate con il sistema sanitario nazionale.

E’ importante tuttavia non dimenticare che le prestazioni saranno garantite solo se ritenute dal medico effettivamente necessarie.

Gli studenti ai quali è stata riconosciuta la doppia nazionalità, possono invece iscriversi in forma del tutto gratuita al sistema nazionale sanitario, presentando esclusivamente il proprio passaporto agli uffici di riferimento dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari.

Gli studenti provenienti da aree non comunitarie o SEE, i quali ad oggi rappresentano la stragrande maggioranza dell’immigrazione culturale, possono iscriversi ai Servizi Sanitari nazionali solamente dopo aver presentato il regolare permesso di soggiorno e dopo aver pagato un contributo pecuniario di 149,77€.

Il pagamento del contributo annuale deve avvenire tramite un conto postale, oppure F24 a seconda se si è regolarmente residenti o domiciliati in una regione oppure una provincia autonoma.

L’iscrizione è possibile presso i centri ASL ed ha una validità annuale (generalmente da gennaio dell’anno corrente fino a dicembre); è fondamentale inoltre presentare il regolare contratto di affitto che permetta di attestare il domicilio in Italia per motivazioni di studio.

Al fine di favorire gli scambi culturali tra studenti provenienti da diversi paesi, all’interno dei siti di moltissime università italiane, sono presentate delle sezioni che chiariscono tutti i passaggi necessari per garantirsi l’assistenza medica.

In molti casi, gli istituti propongono a loro volta delle assicurazioni convenzionate, togliendo allo studente l’incombenza della ricerca di una polizza valida e conveniente.

Ovviamente sfruttare il Sistema sanitario Nazionale Italiano rappresenta la soluzione economicamente più vantaggiosa per gli studenti, rispetto alla stipula di una polizza assicurativa in grado di coprire le eventuali spese per tutto il soggiorno.

Regole ASL sull’Assicurazione sanitaria per stranieri in Italia 2022

Per entrare in Italia è fondamentale avere… tutte le carte in regola!

Tra queste gli stranieri che vogliono mettere piede nel Bel Paese devono avere un’assicurazione sanitaria.

Il servizio sanitario nazionale offre i propri compiti anche agli stranieri, garantendo una sostanziale parità di trattamento rispetto ali italiani.

L’accesso alle prestazioni mediche tuttavia sono differenziate a seconda delle motivazioni del soggiorno in Italia.

Gli stranieri che arrivano per motivazioni turistiche, dunque sono presenti per un periodo non superiore ai 90 giorni, hanno l’occasione di accedere alla prestazioni sanitarie solamente pagando una tariffa regionale in caso di necessità.

In questa ottica non è necessaria l’iscrizione al servizio sanitario, tranne che per la categoria di studenti e ragazze\i alla pari.

La situazione cambia, se si tratta di cittadini stranieri possedenti un regolare permesso di soggiorno: questi hanno il diritto di iscrizione, rivolgendosi direttamente agli uffici ASL del comune di residenza, oppure del luogo che è descritto all’interno del permesso di soggiorno.

Con questa procedura si può richiedere l’assistenza di un medico di base con conseguente attribuzione di ben 4 crediti previsti dall’accordo di integrazione.

Altro elemento da tenere bene a mente, è che l‘iscrizione all’ASL è estesa anche ai familiari regolarmente residenti in Italia, che si trovano a carico del richiedente.

L’ultima categoria da analizzare sono tutti gli stranieri provenienti da uno stato all’unione Europea oppure dallo spazio economico europeo.

Per loro è prevista l’assistenza sanitaria nazionale solamente se possessori della tessera TEAM, oppure aventi l’Attestato di Diritto.

Coloro che vogliono avviare e pratiche per l’iscrizione al S.S.N., devono recarsi presso le ASL del proprio territorio di residenza, muniti di documento di identità personale, codice fiscale, permesso di soggiorno eautocertificazione di residenza o dimora (si considera dimora abituale l’ospitalità da più di tre mesi presso un centro d’accoglienza).

L’iscrizione ha una validità che copre tutto il permesso di soggiorno e non decade nemmeno al momento del rinnovo, tuttavia si ci deve nuovamente rivolgere alla ASL per attestare, tramite tutta l’idonea documentazione, la comprovante richiesta.

L’iscrizione cessa immediatamente in caso di revoca del permesso di soggiorno ed espulsione a seguito di atti contrari alla legge italiana.

Una volta presentata la domanda, il richiedente ha diritto al Tesserino personale sanitario il quale consente l’accesso a visite mediche generali in ambulatorio e visite mediche specialistiche, visite mediche a domicilio, ricovero in ospedale, vaccinazioni, esami del sangue, radiografie, ecografie, medicine, assistenza riabilitativa e protesica.

A seconda del  domicilio, si dovrà pagare solamente il prezzo del ticket sanitario che varia di regione in regione.

Secondo la regolamentazione nazionale, hanno l’obbligo di iscrizione all’interno del servizio nazionale tutti i cittadini stranieri con regolare permesso di soggiorno che svolgono regolare attività di lavoro subordinato, autonomo o che siano iscritti alle liste di collocamento ma anche tutti quelli che hanno fatto richiesta di rinnovo per lavoro subordinato, per lavoro autonomo, per motivi familiari, per asilo, per richiesta di asilo, per attesa adozione, per affidamento, per acquisto della cittadinanza o per motivi religiosi.

Anche i famigliari a carico dei soggiornanti precedentemente indicati, aventi regolare permesso di soggiorno, sono obbligati all’iscrizione.

Gli stranieri che non sono in regola con tutta la documentazione necessaria hanno comunque la possibilità di ricevere l’assistenza medica necessaria grazie a cure ambulatoriali ed ospedaliere urgenti o essenziali, anche se continuative, per malattia e infortunio, nelle strutture pubbliche o private convenzionate.

Per accedere a questi servizi è fondamentale richiedere presso l’ASL un peculiare tesserino chiamato STP (straniero temporaneamente presente), che ha validità di soli sei mesi ma che può essere tranquillamente rinnovato.

L’ottenimento richiede la presentazione delle generalità ed la certificazione di non possedimento di condizioni economiche sufficienti.

L’STP consente anche il rilascio senza nome e cognome e conferisce il diritto a cure mediche e assistenziali generali, ai ricoveri urgenti e non e in regime di day-hospital, ed infine alle cure ambulatoriali e ospedaliere, urgenti o comunque essenziali, anche se continuative, per malattie o infortunio.

E’ importante ricordare inoltre che alle persone non iscritte al servizio sanitario nazionale, in caso di necessità, hanno il pieno diritto a prestazioni base tipo cure della gravidanza e della maternità; cure dei minori;vaccini;interventi di profilassi internazionale;la profilassi, la diagnosi e la cura di malattie infettive.

Migliori assicurazioni mediche private per stranieri in Italia nel 2022

Dopo aver parlato a lungo di tutte le procedure per ricevere assistenza medica tramite il servizio sanitario nazionale, è bene affrontare il tema delle migliori polizze mediche private del 2022.

L’assicurazione sanitaria permette a chiunque di essere curato in caso di necessità e non solamente in caso di incidenti gravi oppure urgenze.

Le proposte all’interno del mercato sono tantissime e non sono tutte uguali, ma offrono servizi ed opportunità a costi differenti, quindi prima di sottoscrivere una polizza è fondamentale essere sempre accorti su pochi semplici elementi come i massimali garantiti, eventuali infortuni non riconosciuti e non coperti, le strutture convenzionate presenti all’interno del paese, franchigie eventuali, ovvero quelle quote minime che restano comunque a carico del titolare dell’assicurazione ma anche tutti i termini riguardanti situazioni di rimpatrio.

Tra le migliori assicurazioni mediche private è impossibile non citare primariamente l’agenzia Allianz.

All’interno del programma Allianz Care sono proposte delle polizze assicurative a carattere internazionale, che si prefiggono di proteggere e garantire la salute di tutti i cittadini stranieri che si recano in Italia.

La vasta gamma di assicurazioni propongono diversi livelli di copertura in grado di soddisfare i bisogni e le tasche di tutti.

Ai suoi clienti l’agenzia offre nella fattispecie le formule Care con massimale di prestazione del programma fino a 500000€, Care Plus che invece concerne 1.125.000 € ed infine Care PRO la quale garantisce una completezza assicurativa e assistenziale.

Altra soluzione da non sottovalutare è quella proposta dal gruppo EuropAssistance, grazie al programma Medico no stop Italy.

Questa polizza assicurativa parte da un prezzo base di 30€ e consente agli stranieri che arrivano in Italia l’assistenza sanitaria 24 ore su 24 ed il rimborso delle spese mediche, farmaceutiche o ospedaliere sostenute in caso di cure non rimandabili.

L’assistenza prevista da questa formula consente di avere un consulto con uno specialista a tutte le ore telefonicamente ed il rientro sanitario se, a seguito di malattia o infortunio, l’assicurato dovesse essere portato in un istituto di cura attrezzato in un altro Paese.

Elemento da non sottovalutare garantito da EuropAssistance, è l’organizzazione del viaggio di un famigliare nel caso di ricovero dell’assicurato per più di 7 giorni.

Questa compagnia permette di stipulare delle polizze flessibili ed adattabili, grazie a dei pacchetti che contemplano un’ampia gamma di prestazioni di assistenza e formule annuale molto convenienti in caso del prolungarsi del soggiorno.

La compagnia Ergo Assicurazioni invece propone una polizza chiamata Incoming&Schengen, ovvero un’assicurazione sanitaria per gli stranieri che viaggiano in Italia e all’interno dell’Area Schengen, con garanzie e massimali conformi ai requisiti delle norme previste per l’ottenimento del visto di ingresso.

Questa formula è estremamente utile per l’ottenimento del visto ma sopratutto  per garantire ai visitatori del Bel Paese una tranquillità sotto il profilo assistenziale sanitario.

Le spese mediche infatti sono coperte fino ad una cifra di 30.000€ e comprendono spese ospedaliere, chirurgiche, farmaceutiche, cure riabilitative e trasporto sanitari.

Inoltre è contemplata anche l’assistenza sanitaria grazie alla consulenza medica telefonica,

segnalazione di medico specialista, trasporto, rientro sanitario ed infine il ricongiungimento familiare.

Tra le polizze più economiche c’è anche Go Schengen, proposta da Intermundial Viaggi, che apre alla possibilità di accedere al visto di viaggio in Italia.

Sottoscrivendo questa polizza sanitaria si ha una copertura fino a 30.000€ sia in ospedali pubblici che privati e all’interno di questi sono contemplati interventi chirurgici e ricoveri.

Anche in questo caso, è compreso il servizio di rimpatrio sanitario ed il trasporto per problematiche legate all’infortunio o malattia.

Questa formula assicurativa è assolutamente personalizzabile, non presenta limiti di età ma sopratutto si adatta perfettamente a tutte le esigenze.

La sua validità di estende praticamente in tutti paesi aderenti a Schengen, senza dover fare ulteriori pratiche permettendo a tutti di godersi l’Europa senza limiti e nel modo più comodo possibile.

Coloro che hanno avuto modo di provare i servizi garantiti da Intermundial si dicono assolutamente soddisfatti e consigliano vivamente queste polizze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.